31/10/11

7 miliardi


Trovo curioso se non drammatico che di fronte all'aumento della popolazione mondiale che ha già raggiunto i 7 miliardi e che mettono a rischio le risorse disponibili, ci siano ancora politici che propongono misure di incentivo alla natalità. Sono esterrefatto solo al pensiero che 50 anni fa la popolazione mondiale contava 3 miliardi di individui e, se l'attuale trend continua, fra 40 anni saremo in 9 miliardi.

30/10/11

Archivi online


Internet consente di poter accedere, con facilità e gratuitamente, a documenti molto interessanti che hanno fatto la storia dell'umanità. Dopo la messa a disposizione dei "rotoli del Mar Morto" da parte di Google, la Royal Society ha messo a disposizione 60.000 articoli scientifici che risalgono fino al 1665 con pubblicazioni di articoli Newton, Darwin e Franklin.

I vantaggi della rete

Una delle cose più interessanti che sono uscite dalla convention di Matteo Renzi alla Stazione Leopolda di ieri: la relazione sintetica, ma molto densa di Stefano Quintarelli che vale la pena di leggere.

28/10/11

Dall'estero


Il New Yorker è una prestigiosa rivista di letteratura, prevalentemente americana, ma non solo. Vende circa un milione di copie, prevalentemente negli Stati Uniti, ma non solo. E questo è un recente articolo pubblicato dalla giornalista Ariel Levy che descrive in modo puntuale e puntuto il nostro Presidente del Consiglio. Così tanto per sapere - se ce ne fosse ancora bisogno - come ci vedono dall'estero. Visto che l'Economista non è considerato attendibile, probabilmente perché filocomunista.

27/10/11

Salute? Quale salute?

E' assodato che la nostra salute dipende - almeno in parte - dai nostri stili di vita: da ciò che mangiamo, dal movimento che facciamo, dalle abitudini voluttuarie che abbiamo (fumo, consumo di alcol, droga), dai comportamenti sessuali. In questi ultimi tempo i comportamenti poco salutari sono attribuiti alla semplice volontà dell'individuo. Per questo i governi centrali e locali stanno cercando di modificare questi comportamenti facendo leva sugli individui che vengono responsabilizzati anche per quanto riguarda il mantenimento del loro stato di salute. Alcuni governi addirittura hanno proposto di aumentare i costi della sanità per coloro che mostrano di avere dei comportamenti considerati a rischio (per esempio, gli obesi). Ai governi non viene in mente o, meglio, fingono di ignorare che i comportamenti individuali derivano in modo diretto dalle condizioni sociali (ed economiche) in cui gli individui si trovano. Proprio pochi giorni fa, a Rio De Janeiro, si è svolta una megariunione degli stati membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, per ribadire per l'ennesima volta quanto hanno importanza i cosiddetti determinanti sociali della salute e per approvare una Dichiarazione che dice, come in altri documenti dell'OMS, delle cose che, se applicate, sarebbero rivoluzionarie. Non a caso Alex Scott-Samuel, docente dell'Università di Liverpool e impegnato nel perseguimento dell'equità nella salute, dice in una mail: "Sono grato a chi mi informa su chi ha firmato la Dichiarazione di Rio a nome del Governo britannico. La Dichiarazione stabilisce che Una buona salute richiede un sistema sanitario di qualità, universale, completo, equo, efficace, reattivo e accessibile; ma questo è esattamente quello che la recente riorganizzazione del Servizio Sanitario britannico cerca di rimuovere in modo esplicito con uno in cui l'universalità, la completezza e la qualità vengono determinati dalle scelte del mercato".
E proprio in questi giorni è stato pubblicata una splendida infografica che racconta in modo esplicito come gli effetti della crisi vanno ad impattare drammaticamente sulla salute della popolazione. Abbiamo un bel dire a una persona che deve mantenere una famiglia con 1.000 euro al mese, devi mangiare molta frutta, molta verdura e comprare alimenti di qualità (costosi) oppure devi seguire una dieta (costosa), in quanto diabetico o intollerante a determinati alimenti: semplicemente non lo può fare. Così come chi è malato e povero avrà meno possibilità per curarsi, come sta succedendo in Grecia proprio in questi giorni.
Forse allora è il caso di essere un po' meno ipocriti e dire che la salute ha un costo economico. E che la riduzione delle risorse implica una popolazione mediamente meno sana.

26/10/11

La lettera

Finalmente è stata diffusa la lettera che i nostri screditati governanti hanno inviato all'Unione Europea. Questa è la sintesi basata sulla frequenza delle parole usate.

Un cervello diviso

Una bellissima animazione spiega le teorie dello psichiatra e scrittore Iain McGilchrist, secondo il quale i due emisferi del cervello hanno funzioni che hanno influito profondamente sul comportamento umano, ma anche sulla cultura e sulla società. L'animazione è tratta dal libro "The Master And His Emissary" pubblicato nel 2009. Una nota curiosa: dopo il 10' una parte del cervello viene descritte come "berlusconiana" e, al suono di questo termine, non mancano sonore risate.

La ricetta Buffett


Warren Buffett, imprenditore statunitense, è considerato, dopo Carlos Slim e Bill Gates, il terzo uomo  più ricco del mondo. Sarà proprio per questo e per il fatto di essere in età avanzata che si può permettere di tirare le orecchie ai politici.
In una recente intervista ha proposto la sua ricetta per fermare il deficit: "Io riuscirei a fermare il deficit in 5 minuti. Basterebbe approvare una legge che stabilisca che ogni volta che il deficit supera il tre percento del Prodotto Interno Lordo, a tutti i membri del Congresso sarà proibita la ricandidatura alle elezioni successive. In questo modo gli incentivi vengono collocati nel posto giusto."
Questa ricetta, non solo funzionerebbe, ma sarebbe sicuramente esportabile in altri paesi, come l'Italia in cui, secondo me, funzionerebbe ancora meglio.

25/10/11

Around the world




Quando si guarda un atlante, si ha una visione oggettiva delle regioni descritte. Quando vistiamo una regione o una città, ciascuno di noi prova delle emozioni talvolta difficili da descrivere. Meglio delle parole possono fare le immagini come mostrano queste splendide pagine dove si trovano le illustrazioni di città secondo le percezioni e le emozioni provate da chi ha realizzato le immagini.

24/10/11

Il potere del conformismo

Lo psicologo Philip Zimbardo è noto, fra l'altro, per aver realizzato l'Esperimento carcerario di Stanford e per aver scritto un interessante libro che in italiano è stato tradotto con il titolo "L'effetto Lucifero. Cattivi si diventa?" nel quale tratta il tema del conformismo che può talvolta indurre le persone, ritenute buone, ad assumere comportamenti malvagi, dimostrando che nessun essere umano è immune dal male. Tale tema non solo ha radici profonde (pensiamo a "Lo strano caso del dottor Jekyll e di Mr. Hyde" di Stevenson, ma anche ai film "L'esperimento" e "L'onda").
Il conformismo, l'adozione acritica, cioè, delle norme di un gruppo, molto spesso porta a risultati innocui, come mostra questa geniale Candid Camera del 1962.



Talvolta però porta a risultati impensati e impensabili, come non solo ha dimostrato l'Esperimento carcerario di Stanford, ma che sperimentiamo e vediamo nella cronaca di ogni giorno.

23/10/11

Analfabetismo funzionale

Il giornalista Luca De Biase parla dell'analfabetismo funzionale, definito come "caratteristica di una persona che non è in grado di svolgere quelle attività in cui l'alfabetizzazione è richiesta per far funzionare il gruppo e la comunità a cui appartiene e nel contempo consentirgli di usare la lettura, la scrittura e il calcolo per lo sviluppo di se stesso e della comunità di appartenenza." Sorprendente e allarmante è il dato che gli italiani che hanno problemi con l'analfabetismo funzionale erano, nel 2009, quasi la metà della popolazione. Come osserva De Biase ciò dimostra la fragilità del sistema educativo e lo strapotere della televisione. E, aggiungo io, spiega la situazione sociale in cui si trova l'Italia.

22/10/11

Nelle Alpi svizzere


La linea ferroviaria Albula-Bernina transita nelle Alpi svizzere in uno scenario da favola raggiungendo l'altezza di 2.000 metri. Google annuncia che il team di Street View ha realizzato un filmato in grado di riprodurre il percorso dando la sensazione di transitarlo di persona. Il materiale verrà fra non molto messo a disposizione del pubblico.



via

21/10/11

Scilipoteide

Ed è tutto vero!

A Better Life?


All'interno di una di ricerca denominata "Better Life Initiative", l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OECD) ha indagato in un particolare giorno come si sentivano le persone di ciascuno Stato appartenente all'Organizzazione. I risultati non sembrano essere molto incoraggianti per l'Italia che si trova al quartultimo posto, confermando l'atmosfera che da qualche tempo si respira.

20/10/11

Leonard Cohen


Ho sempre pensato che uno che scrive un verso come:
"They sentenced me twenty years of boredom for trying to change the system from within"
è un grande poeta. Non solo, anche un grande cantante autore di tante splendide canzoni. Oggi è stato insignito del Premio Principe delle Asturie come prima di lui, Amos Oz e Paul Auster. Mi fa molto piacere pensare che gli sia stato assegnato un riconoscimento pubblico così prestigioso.
Sul National Film Board del Canada, ho trovato questa bellissima chicca di tanti anni fa: correva infatti l'anno 1965 e Leonard Cohen aveva 30 anni.

19/10/11

In 60"


Bastano 60 secondi per spiegare il paradosso di Achille e della tartaruga che ha fatto ammattire parecchi studenti sui banchi del Liceo quando studiavano la filosofia greca e in particolare Zenone di Elea.
La Open University ha realizzato una serie di cartoon che spiegano anche la Teoria della Relatività, il paradosso del gatto di Schrödinger e altre cose curiose e interessanti riferite alla scienza e alla filosofia. Da vedere.

Wikileaks vs. Facebook

Un'immagine dice di più di mille parole.


18/10/11

Letture


Immerso nella lettura di 1Q84 arrivato (finalmente!) stamattina sul mio Kindle. No TV, no radio, no giornali o riviste, no telefono. Solo un sottofondo musicale: La Sinfonietta di Janáček.

17/10/11

Monk


Uno splendido documentario dal titolo "Straight, No Chaser", come il celebre album del 1951 che delinea un affascinante ritratto dell'originale e geniale pianista e compositore Thelonius Monk, di cui racconta la vita, offrendo anche esibizioni dal vivo, nonché interviste agli amici e ai familiari. Per gli appassionati di jazz, una vera chicca.

16/10/11

Invece della violenza


Sono da sempe convinto che la violenza non porta da nessuna parte. Mi è capitato di leggere, sul New Yorker, un articolo sull'occupazione di Zuccotti Park a New York e ho apprezzato moltissimo le modalità di comportamento degli occupanti. Ho anche capito perché l'intervento del filosofo Slavoj Zizek, sembra un salmodiare, in quanto la folla degli occupanti ripeteva di volta in volta ciascuna delle frasi che pronunciava: a Zuccotti Park è proibito utilizzare sistemi di amplificazione, megafoni compresi, per cui gli occupanti, rispettosi delle regole, usavano il metodo del tam tam vocale. E' per questo che condivido in modo totale l'articolo di oggi di Mario Calabresi che analizza in modo perfetto la situazione che si è venuta a creare a Roma e invoca la non violenza come strumento rivoluzionario.


15/10/11

Come to the edge

Come to the edge.
We might fall.
Come to the edge.
It's too high!
COME TO THE EDGE!
And they came,
And he pushed,
And they flew

Calvino


Come oggi, 88 anni fa, nasceva a Santiago de Las Vegas a Cuba, Italo Calvino, uno dei (pochi) scrittori che ammiro e le cui opere non mi stanco mai di leggere. Oggi lo ricorda Google con una illustrazione che richiama il racconto "La distanza della Luna" contenuto ne "Le Cosmicomiche" pubblicato nel 1965. Per me è indimenticabile e pieno di significato il seguente brano che chiude "Le città invisibili":


L'inferno dei viventi non qualcosa che sara’; se ce n'e’ uno e’ quello che e’ gia’ qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme.
Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo piu’.
Il secondo e’ rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e che cosa, in mezzo all'inferno, non e’ inferno e farlo durare e dargli spazio.

14/10/11

Nozze reali


Si sono svolte ieri le nozze del Re del Bhutan di cui ho parlato nello scorso maggio. Il Re Jigme Khesar Namgyel Wangchuck, quinto monarca della dinastia Wangchuck, in una festa che ha coinvolto l'intero paese, ha sposato la ventenne Jetsun Pema. Qui si trova uno splendido reportage fotografico e di seguito una sintesi filmata dell'evento.

13/10/11

Senza pudore


Davvero non c'è limite alla spudoratezza.

via

L'autunno di Camus


Albert Camus è stato una figura molto importante della letteratura e della filosofia francese. Nel 1957 gli fu assegnato il Premio Nobel per la Letteratura. Tre anni dopo morì a soli 47 anni. Mike Mccubbins, musicista e artista dell'animazione ha realizzato uno splendido filmato che traduce in immagini una sua novella, dal titolo "La caduta", utilizzando colori e motivi riferiti all'autunno (The Fall?), stagione a cui era particolarmente affezionato visto che aveva scritto: "L'autunno è una seconda primavera, quando ogni foglia è un fiore".

12/10/11

200 anni fa

Nell'era dei tablet e degli ereader forse sarà complicato spiegare ai nostri figli che le favole, solo 200 anni fa, venivano proposte in questo modo:


11/10/11

No longer silent



Una rana nuota pigra in un contenitore di acqua sotto il quale viene acceso un fuoco. L'acqua si scalda, piano piano, dolcemente, ma sempre di più. La rana sente il calore, ma troppo tardi. Finisce bollita.
Così è per la nostra società e soprattutto per i nostri politici e per il mondo della finanza che non si stanno accorgendo di aver tirato troppo la corda e di aver provocato delle sollevazioni che, sia pur lentamente, si stanno propagando a macchia d'olio. Dopo le rivolte nel mondo arabo, la Grecia, la Spagna, il Cile, Israele e, adesso, gli Stati Uniti. Presto sarà il turno dell'Italia e sarà imprevedibile come andrà a finire. La rete sta costituendo un potente strumento di informazione e di collegamento. La TV sta per diventare uno strumento del passato: autoreferenziale e rinchiusa su se stessa, continua a propinare trasmissioni che ospitano politici cialtroni, decotti e inconcludenti che transumano da un programma all'altro per ripetere noiosamente le stesse cose e nessuno si preoccupa di informare le persone di quello che sta succedendo davvero nel mondo.

10/10/11

Knockin' on Heaven's Door


Fino ad oggi la Next Media Animation di Taiwan era conosciuta in Italia per i video riguardanti Presidente del Consiglio (qui e qui). In questi giorni hanno realizzato un filmato leggero e spiritoso per dedicare un tributo a Steve Jobs. L'idea di fondo (san Pietro che utilizza un iPad) è stata utilizzata anche nell'ultimo numero del New Yorker.

Santoro wants you




Nel 2002, ai tempi dell'Editto bulgaro, mi chiedevo come mai questo Santoro, uomo potente e pieno di soldi, non decidesse di abbandonare la RAI per andare in onda con una trasmissione via web. Già perché anche allora si sentiva indispensabile. Adesso, uscito dalla RAI con una buona uscita milionaria, intende farsi sovvenzionare dai cittadini per fare una trasmissione che mi pare lui ritenga "indispensabile". La mia sensazione è che questi programmi televisivi invasi da figuranti politici di cui non se ne può più abbiano fatto il loro tempo. Per quanto mi riguarda li avverto insopportabili e da un po' di tempo non li guardo più. Per questo mi interessa poco la trasmissione che farà Santoro e per questo non ho alcuna intenzione di mandare il mio obolo a un personaggio ricchissimo che potrebbe tranquillamente autofinanziare le sue trasmissioni che non dovrebbero avere costi altissimi in quanto dovrebbe privilegiare i contenuti rispetto alle forme.

Campagne elettorali

In Polonia la campagna elettorale si fa così. Questo è il video di Katarzyna Lenart, candidata per il partito di sinistra SLD. Sembra che abbia adottato questa modalità perché gli elettori erano poco interessati al suo programma elettorale e quindi ha pensato bene di puntare sul proprio corpo.
Forse il nuovo partito Forza Gnocca potrebbe trarre ispirazione.

Contro la pena di morte

09/10/11

Il paese di Gogol


Solo qualche giorno fa il Presidente dell'ISTAT magnificava l'iniziativa della compilazione online del questionario del censimento 2011. Parecchie persone, stamattina, si sono dedicate allo svolgimento del compitino. Tutto inutile. Il sito appositamente predisposto non funzionava. Probabilmente per il consistente numero di utenti che cercavano di collegarsi. Se da una parte può far piacere che il numero di italiani in grado di utilizzare i servizi online è consistente, dall'altro è deludente che l'ISTAT non sia stato in grado di prevedere la consistenza dell'afflusso. Come diceva qualcuno su Twitter "il censimento si svolge ogni dieci perché ce ne vogliono nove per compilare il questionario". E' un'ulteriore conferma che siamo un paese in cui i cittadini sono più avanti delle persone che li governano a tutti i livelli. Insomma il paese di Gogol.  

08/10/11

La fotocopiatrice


Per semplificare, qualcuno ha assimilato il corpo degli esseri viventi a una fotocopiatrice che viene usata dai virus per fare delle copie di se stessi. Nel periodo in cui nell'emisfero settentrionale ci si incomincia a preparare per combattere l'influenza, Robert Kruwich della stazione radio americana NPR insieme David Bolinsky, esperto in animazioni mediche, ci propongono un interessante filmato che mostra il modo con cui i virus penetrano nel nostro corpo, ingannando le nostre cellule, e si moltiplicano.

07/10/11

Un posto migliore

Si può fare un omaggio a Steve Jobs anche con leggerezza.

via

Placebo

Il Teorema di Thomas dice che "Se gli uomini definiscono reali certe situazioni, esse saranno reali nelle loro conseguenze". E', in altre parole, la cosiddetta "profezia che si autorealizza" cara a molti sociologi. A questo principio fa riferimento l'effetto placebo, che, in medicina, consiste in reazioni documentate dell'organismo non dovute a principi terapeutici, ma alle attese dell'individuo come spiega il filmato che segue:

06/10/11

Un genio


Le prime pagine di 100 quotidiani in cui si ricorda il genio di Steve Jobs.

Tomas Tranströmer


Anche se avrei preferito che il Premio Nobel per la Letteratura fosse andato ad Haruki Murakami o, al mio candidato di sempre, Bob Dylan, tuttavia la scelta caduta sul poeta svedese Tomas Tranströmer, che prima di oggi non avevo mai avuto occasione di conoscere, mi sembra particolarmente azzeccata. Ottant'anni, di professione psicologo, affetto da più di 20 anni da una grave malattia, nella sua poesia descrive gli aspetti della vita quotidiana e della natura

I ricordi mi vedono

Un mattino di giugno, troppo presto
per svegliarsi, troppo tardi
per riprendere sonno.

Devo uscir nel verde gremito
di ricordi, e mi seguono con lo sguardo.

Non si vedono, fondono totalmente
con lo sfondo, camaleonti perfetti.

Così vicino che li sento respirare
benché il canto degli uccelli
sia assordante.


Tracce

Come quando un uomo è così immerso in un sogno
che mai, ritornando al suo spazio
ricorderà di esserci stato

Changing the world


E' uno dei migliori omaggi che potevano essere fatti a Steve Jobs.

via


Stay hungry. Stay foolish


Quando ci lascia una persona geniale, è una perdita per l'intera umanità. Steve Jobs, da grande visionario, è riuscito a unire la tecnologia con la filosofia: e questo non è poco. Mi piace ricordarlo con il suo celebre discorso tenuto all'Università di Harvard, la cui traduzione in italiano, si trova qui.

05/10/11

Howl


Ma che bello questo film dedicato a Allen Ginsberg e al movimento beat diretto da Rob Epstein e Jeffrey Friedman! Oltre alla brillante idea di mescolare parti recitate, con documenti dell'epoca e con cartoni animati. Splendide le letture delle poesie di Ginsberg che assomigliano a dei pezzi di musica jazz. Azzeccatissima la canzone This Wheel's On Fire composta e cantata da Bob Dylan che conclude il film. 


04/10/11

Lo sapranno?


Mi pare che Wikipedia abbia attivato un coraggioso atto di civile protesta nei confronti del decreto Alfano che il Governo intende approvare e che contiene un articolo che limiterebbe la libertà di espressione dei blogger. Ma i nostri (?) politici sapranno che cos'è Wikipedia?

I (dis)piaceri dell'aglio

Sbucciare l'aglio in cucina è una cosa poco piacevole anche perché, poi, è difficile liberarsi dell'odore che rimane sulle mani. Qualcuno ha cercato di risolvere la questione in modo abbastanza semplice.


How to Peel a Head of Garlic in Less Than 10 Seconds from SAVEUR.com on Vimeo.

03/10/11

Premio Nobel


In questi giorni, il 6 ottobre, verrà scelto il Premio Nobel per la Letteratura 2011. Dando un'occhiata al sito di scommesse Ladbrokes, ho scoperto che fra gli scrittori che più apprezzo,  il meglio piazzato è Haruki Murakami, che è dato 8/1e che secondo me merita il famoso premio.

Siete vecchi e...


A proposito del decreto che, in sostanza, vorrebbe limitare la libertà di espressione dei blog, oltre a una iniziativa formale da parte di alcuni affermati blogger italiani, ho visto una interessante quanto plateale iniziativa di Wikipedia che minaccia di togliere le voci biografiche a partire dal 1900 a oggi, ma anche il commento di Marco Cagnotti, acuto e competente giornalista scientifico, che spiega che i blogger non devono aver alcun timore, come poi dimostra ciò che è successo oggi.

02/10/11

L'equazione di Formigoni

Procellum + Preferenze = Perfettellum

Mah!?

Auguri, Sting!

Un omaggio a Sting nel giorno del suo compleanno con la mia canzone preferita.

Blogfest 2011

Il messaggio di Alessandro Gilioli al Blogfest 2011 contro il disegno di legge che tenta di imbavagliare la rete.

La versione dell'indagato

Forse siamo troppo presi da altre cose per accorgercene, ma da qualche tempo a questa parte sta aumentando il numero di personaggi pubblici, soprattutto politici, indagati da parte della magistratura a cui viene dato spazio in TV per esporre il loro punto di vista. Era cominciata qualche anno fa con Valentino Rossi che aveva spiegato la sua posizione in rapporto alle tasse, continua in questi giorni con le ospitate del Ministro Romano, del deputato Milanese, del latitante Lavitola, del signor Corona, ecc. ecc.
Nella logica del contraddittorio, tanto cara al nostro governo, si dovrebbe allora dare spazio anche al magistrato che sta svolgendo le indagini per conoscere il suo parere. In altre parole, la giustizia si potrebbe trasferire armi e bagagli in TV, in modo da venir spettacolarizzata alla stregua di un reality show. Si potrebbero perciò abolire programmi come Un giorno in pretura, Forum e Verdetto finale, e sostituirli con i processi veri e propri, magari arbitrati da giornalisti super partes (!) come Bruno Vespa che, con l'aiuto di adeguati plastici potrebbero far esprimere accusa e difesa e poi decidere, magari con l'ausilio del televoto, se l'imputato va condannato o assolto. Questo, naturalmente, solo per i VIP.