31/07/11

Debito pubblico


Un interessane articolo pubblicato su L'Inkiesta, mostra l'evoluzione del debito pubblico in Italia attribuendone la responsabilità ai diversi governi succedutisi nel tempo. Non solo, spiega in modo (finalmente) chiaro di cosa si parla quando si parla di debito pubblico e di deficit.

30/07/11

Dimissioni


L'Inkiesta ha diffuso un'infografica che elenca le dimissioni di politici a seguito di scandali di vario genere. Mi pare manchi l'ex primo ministro israeliano Ehud Olmert che, indagato per corruzione nel 2008, si dimise. Restano famose le sue parole:
"Sono fiero di appartenere a uno Stato in cui un premier può essere investigato come un semplice cittadino. Un premier non può essere al di sopra della legge, ma nemmeno al di sotto. Se devo scegliere fra me, la consapevolezza di essere innocente, e il fatto che restando al mio posto possa mettere in grave imbarazzo il Paese che amo e che ho l'onore di rappresentare, non ho dubbi: mi faccio da parte perché anche il primo ministro dev'essere giudicato come gli altri. Dimostrerò che le accuse sono infondate, da cittadino qualunque. Errori ne ho commessi e me ne pento. Per la carica che occupo ero consapevole di poter finire al centro di attacchi feroci. Ma nel mio caso si è passata la misura."

Quasi come in Italia

29/07/11

Che sorpresa!


Molto spesso facciamo fatica a riconoscerci negli altri. Anzi propendiamo maggiormente a dividerci, piuttosto che a unirci. Ma riflettendoci bene, come ci aiuta a fare questo grafico, alla fine siamo tutti imparentati e in modo molto stretto. Infatti la popolazione mondiale nel 1400 era di circa 450 milioni di abitanti. Negli stessi anni, in teoria, i nostri progenitori sarebbero stati più di un miliardo. In altre parole siamo tutti imparentati più di una volta.  

via

28/07/11

Norvegia

La reazione dei norvegesi a ciò che è accaduto in Norvegia è stato davvero encomiabile. Molto pacata e soprattutto non violenta, con la volontà di accentuare ancora di più la democrazia, la tolleranza e la cura reciproca. Lo dimostra questo splendido discorso del premier Jens Stoltenberg, tenuto il 25 luglio sulla piazza del Municipio di Oslo nel corso di una manifestazione per ricordare le vittime del terribile eccidio. In concomitanza del tragico evento si stava svolgendo nella città di Molde, il famoso festival Jazz che la tradizione vuole si concluda con una parata musicale attraverso la città. Quest'anno gli organizzatori hanno cambiato il percorso e il corteo ha raggiunto la Cattedrale intonando una solenne e commovente marcia funebre. Non sono, infine, mancate le fotografie del Boston Globe.

27/07/11

E le tasse?

Il deputato Marco Milanese, collaboratore del Ministro Tremonti nella memoria difensiva consegnata alla Giunta per le autorizzazione a procedere della Camera che dovrà decidere sulla richiesta di arresto del deputato PDL presentata dalla Procura di Napoli sostiene, fra l'altro, "che il Minstro ha corrisposto, quale partecipazione all'affitto dell'immobile, a partire dalla seconda metà del 2008, la somma mensile di circa 4mila  euro, corrispostemi settimanalmente e sempre in contanti." Mi immagino che ogni venerdì (o lunedì o martedì) il Minsitro Tremonti convocava nel suo ufficio il collaboratore Milanese, tirava fuori il portafoglio e gli contava 10 bigliettoni da 100 euro. E così per 52 volte all'anno. A parte l'entità della cifra che corrisponde allo stipendio di tre operai, mi chiedo: su questi importi il Ministro Tremonti avrà pagato quelle tasse che sembra sforzarsi tanto di far pagare agli italiani?

Il Trota ammagato


Qualche tempo fa avevo parlato di questa sedicente veggente di nome Adriana Sossi. Si scopre adesso che questa vecchietta semianalfabeta insieme alla sua protetta, ex consulente del Ministero della Giustizia, Monica Rizzi e del suo fidanzato, abbia cominiciato a frequentare, nientedimeno che il Trota.
Certo, Dio li fa e poi li mette assieme.

Sono matti?


Sinceramente faccio molta fatica a capire perché il Presidente Napolitano, con tutti i problemi che ha l'Italia, si stia preoccupando dei 100 mq occupati dagli uffici di alcuni Ministeri a Monza. Rimango però esterrefatto quando leggo, sulla prima pagina della Padania di oggi, questo titolone  "Quando un popolo come quello padano cammina, piega la storia." E l'articolo si riferisce alla conquista del monolocale assegnato ai Ministeri. In questo caso mi sembra di poter dire che la storia più che piegarsi, si scansa.

Quando, fra qualche anno, (ri)vedranno questo video, gli italiani si renderanno conto dei buffoni che ci hanno governato e in che mani siamo stati per lungo tempo.
Sempre nella speranza che il futuro non sia peggiore del presente.

26/07/11

Mac vs. PC

Una domanda frequente e ricorrente che fanno gli utenti PC agli utenti Mac è: Perché usi Mac? La mia risposta è sempre stata: Perché non voglio diventare un informatico. Una risposta ancora migliore è stata data, in modo involontario, dalla McDonald's che, nel pubblicizzare nei propri esercizi, la disponibilità di connessione WiFi, ha anche fornito le istruzioni per connettersi: due pagine per gli utenti PC (Windows), tre righe per gli utenti Mac.

 

25/07/11

Il Male

Questa vignetta sintetizza in modo preciso il recente crimine avvenuto in Norvegia.


Peccato!


Non mi dispiaceva leggere gli articoli di Magdi Allam, al tempo in cui era vicedirettore del Corriere della Sera. Poi, da quando ha abbracciato la fede cattolica, è stato battezzato dal Papa (padrino Maurizio Lupi!) e la rabbia antiislamica dell'ex, incarnata nella destra cialtrona del duo B&B, è diventato insopportabile. Ne è testimonianza quello che ha scritto su Il Giornale, ieri, a proposito dei fatti di Norvegia:

Ammettiamolo: in un primo tempo quando la pista islamica sembrava avvalorata , tutti ci sentivamo come rincuorati, probabilmente perché condividiamo la consapevolezza che questo genere di odiosi crimini contro l'umanità appartiene quasi naturalmente a dei fanatici votati a imporre con la forza ovunque nel mondo la sottomissione ad Allah e la devozione a Maometto.

Sembra provare un sincero dispiacere per il fatto che l'orrendo crimine non sia imputabile a degli islamici.

Più sensato il commento di Ilvo Diamanti che afferma:

E' difficile sopportare il disagio e la vertigine prodotti da questa vicenda. Troppo incoerente e irragionevole di fronte alle nostre ragioni - e alla nostra ragione. Noi: costretti ad ammettere che l'Odio può esplodere dove si coltiva il bene comune. In modo più violento che altrove. E si può esprimere , in modo indescrivibile, nel "nostro" mondo, per mano dei "nostri". Non dell'Altro: il "nemico" islamico e terrorista.

24/07/11

Mimetizzarsi

Nel genere umano è forse esistito Zelig, di sicuro è esistito l'attore Fregoli. Persone che riescono ad assumere caratteristiche in grado di mimetizzarsi con le persone e/o con l'ambiente che le circonda. Ma anche la natura propone fenomeni analoghi. Uno dei più eclatanti è costituito dal Mimic Octopus, capace di mimetizzarsi con diverse crature marine, come viene mostrato qui sotto:



23/07/11

Angelo o diavolo

Volendo evidenziare il curioso effetto del colletto della camicia della persona alle spalle di Mr. Murdoch, mi sono accorto di averlo tramutato da diavolo ad angelo (ma pur sempre Squalo).

Avventure in Burocratoland

Mi sono dovuto occupare, in questi giorni, a confrontarmi con il furto di documenti e del cellulare subìto da parte di un congiunto. Pur trovandomi ad abitare in un territorio dove la cosiddetta burocrazia funziona, tuttavia ai cittadini viene richiesto uno sforzo considerevole. La prima cosa da fare è recarsi in Questura (per esperienza pregressa, in casi di questo tipo, è meglio evitare i Carabinieri) per effettuare la denuncia. Poi bisogna recarsi in Comune, muniti di tre fotografie e di un documento di riconoscimento (quale?) per il rifacimento della Carta di Identità (che fortunatamente viene consegnata immediatamente). Poi visita all'ASL (o all'Agenzia delle Entrate!) per recuperare la tessera sanitaria. Ulteriore visita alla Questura con due fotografie per il rilascio del permesso di guida provvisorio (il Ministero dei Trasporti invierà il duplicato della patente). A proposito se sprovvisti di un permesso di guida, compete una multa di € 38: ehi amici siamo nel 2011!!! Avrete altri metodi per sapere se uno ha o non ha un permesso di guida. O no?
Telefonata alla Banca per bloccare il Bancomat. Telefonata al gestore telefonico per bloccare la SIM e invio di un modulo (compilato a mano e digitalizzato) per disattivare il telefono tramite il blocco del codice IMEI.
Abbastanza? Direi di sì!
Mi chiedo: ma perché non esiste un ufficio che si occupa del rinnovo di TUTTI i documenti?

Ministeri a Monza

Fermo restando che è semplicemente demenziale pensare a decentrare Ministeri, peggio ancora se si tratta di qualcosa molto simile a "uffici di rappresentanza." E' esattamente il contrario del federalismo che dovrebbe prevedere il decentramento di funzioni non di sedi del potere centrale. Ma dalla Lega non si può pretendere coerenza. L'unico aspetto divertente è questa cronaca che il giornalista Michele Brambilla  ha fatto di questo "importante evento" su Twitter. 

22/07/11

Le gioie del Leone


Faccio parte anch'io del milione di persone che mercoledì scorso ha scaricato il nuovo sistema operativo Mac OS X "Lion." Ho avuto anch'io qualche inconveniente fra quelli che, con un po' enfasi, qualcuno ha voluto tradurre in un simpatico cartoon.

via

Il nuovo che avanza

Gianfranco Fini - 59 anni, 7 legislature, 4 partiti
Pierferdinando Casini - 56 anni, 8 legislature, 3 partiti
Francesco Rutelli - 57 anni, 5 legislature, 7 partiti

Il testimonial di Ryanair

Il nostro Presidente del Consiglio oltre a fornire abbondante materiale ai comici di tutto il mondo, si è inconsapevolmente (almeno, speriamo) offerto come testimonial della Ryanair. Dopo la pubblicità sulla "scappatella"


ecco i 560 milioni di buoni motivi per scappare.

21/07/11

I nostri governanti


Gli italiani possono avere tutti i difetti del mondo, ma penso che lo stesso non meritino di essere governati da persone di questo tipo.

via

20/07/11

A spasso con il cell

Quando vedo qualcuno che guida l'automobile con una sola mano, perché l'altra è impegnata a tenere un telefonino vicino all'orecchio, mi chiedo così avrà di così importante da dire
Mi risulta insopportabile conversare (?) con persone che impugnano un telefonino e scrivendo e/o controllando gli SMS. Ancora più insopportabile è essere investiti da pedoni concentrati sul piccolo schermo. Va fatto un plauso alle autorità di Philadelphia che hanno provveduto ad adottare contromisure al dilagare dell'abitudine di scrivere o leggere gli SMS mentre ci si muove fra le persone.

19/07/11

Social networks


Chi mi segue ha già capito che non sono un utente entusiasta di Facebook (1 e 2). Preferisco curare il mio blog che mi consente di fissare e soprattutto di ricordare le cose che scrivo. D'altra parte la mia curiosità e l'attrazione che provo per la rete, mi "impone" di partecipare a ciò che in rete succede. I "social network" sono ormai una realtà dalla quale non si può prescindere. Anzi ultimamente ne è nato uno nuovo, Google+, che proverò non appena possibile. Per ora ho trovato questa interessante infografica che pone a confronto Twitter, con Facebook e con Google+, evidenziando di ciascuno le caratteristiche.
Un aspetto rilevante da considerare che non appare in modo chiaro dall'infografica è che ciò che si pubblica su Google+ è, per default, privato, mentre, al contrario, ciò che si pubblica su Facebook è pubblico.

via

18/07/11

Dedicato a Brunetta

Un leader dirige.

E' troppo semplice?

Gli scrittori scrivono. Se vuoi essere uno scrittore, scrivi. E cerca di assicurati che ci siano persone che leggano ciò che scrivi.

E i leader? Dirigono.

Se vuoi essere un leader, va' e dirigi.

via

17/07/11

Il cialtrone analfabeta

Questo video spiega in modo inequivocabile e mirabile il livello a cui si è ridotta l'Italia. Questo cialtrone analfabeta, che si dice abbia fatto l'interprete fra la Clinton e Berlusconi, viene proposto come uno statista di primo livello custode dell'eredità di un altro genio, suo padre.

16/07/11

Salviamo i ricchi

La manovra economica proposta dal Governo e approvata dal Parlamento è, per usare un eufemismo, vergognosa. Questo Tremonti, ritenuto da qualcuno un "genio" dell'economia e della finanza, ha dimostrato di essere un improvvisatore. D'altra parte, far pagare ai poveri il tenore di vita dei ricchi, fra i quali vanno annoverati i politici, non può essere altro che la linea politica definita da un Premier che è l'uomo più ricco d'Italia. Che l'opposizione, poi, stigmatizzi come non sia stato fatto alcun taglio alla "casta", fa solo pena. Invece di aspettare norme e leggi basterebbe che si autoriducessero il reddito destinando una congrua parte di esso a finanziare interventi a sostegno dell'economia. Ma è meglio chiacchierare che fare. Fra poco ci toccherà vedere realizzate le profezie di Beppe Grillo, una delle poche persone che abbia avuto il coraggio di dire (con insistenza) che il re è nudo. Quello che nasconde fra le pieghe la recente manovra economica, è esposto in un lucido articolo dall'economista Michele Boldrin.

15/07/11

Ma questo è un genio!

Si tratta di tal Francesco Speroni, deputato europeo della Lega Nord, che sta partecipando a un dibattito su La7. Memorabili due citazioni:

"Il debito pubblico è di tutti." Certo è colpa dei cittadini non di coloro che fino ad oggi hanno governato.

"La pensionata che riceve € 690, non vedrà la sua pensione toccata." Nel senso che si deve ritenere fortunata che non le verrà diminuita.

Le altre non le ho registrate perché ho spento la TV.

14/07/11

Sì, ma...

E' ben vero che sul Titanic sono morti anche quelli che stavano in prima classe, in proporzione, però, quelli di terza classe erano più del doppio.

11/07/11

Organizzazioni

Un'immagine talvolta fa capire molto riguardo a ciò che vuol rappresentare. E' il caso degli schemi organizzativi che ci dicono molto come sono strutturate, per esempio, le aziende. Questa immagine descrive in modo sintetico ma eloquente l'organizzazione delle più importante aziende ICT del mondo. Si può facilmente vedere la struttura reticolare di Facebook, quella stellare di Apple, quella conflittuale di Microsoft, ecc.

10/07/11

Si muove o non si muove?

Se vogliamo essere essenziali, ci sono due tipi di guasti: quando qualcosa che non dovrebbere muoversi, si muove e quando qualcosa che dovrebbe muoversi, non si muove. Di conseguenza servono due tipi di strumenti: qualcosa per attaccare e qualcosa per sbloccare, come evidenzia questo grafico:


via

08/07/11

La nuova lingua

Sembra che dopo aver recuperato la religione celtica, in Padania si stia procedendo alla definizione di una nuova lingua nazionale.



Chicche nella notte

Mi è capitato di scrivere qualche tempo fa del film "L'ignoto spazio profondo" di Werner Herzog. Oggi ho scoperto che il film è stato trasmesso su Rai 3. Sapete a che ora? Alle 4:56 (del mattino, ovviamente). Fortunatamente chi lo desidera lo può rivedere, sul computer, a questo indirizzo. Il film merita davvero.
Una riflessione: ma perché i programmisti della RAI non mandano queste chicche in prima, o al massimo in seconda serata? Per non far concorrenza a Mediaset?

07/07/11

Login

Riccardo Luna è stato fino a poco tempo fa il Direttore dell'edizione italiana di Wired a cui sono abbonato fin dal primo numero, dopo essere stato abbonato per alcuni anni all'edizione americana. Gli scritti di Luna, che apparivano sotto il nome "Login," ancorché brevi erano sempre interessanti, stimolanti, pieni di partecipazione emotiva toccando i nervi scoperti della lentezza con la quale la tecnologia informatica e telematica veniva e viene adottata in Italia. In questi giorni Riccardo Luna, e di questo lo ringraziamo, ha messo a disposizione gratuitamente la raccolta dei suoi "Login," in formato elettronico, con il suggestivo titolo "Brevi canti per l'innovazione." Un bel regalo che permetterà di (ri)leggere e (ri)meditare i vari argomenti toccati.

L'ometto presuntuoso

Già il fatto che questo ometto, che dice di aver conseguito "una laurea in medicina di seconda mano," parli di sé, umilmente, in terza persona, mi fa inorridire. Purtroppo questo filmato farà il giro del mondo e avrò un altro motivo per vergognarmi di essere italiano.

L'omino "scemo"

Ho sempre pensato che questo povero omino fosse davvero scemo. E questo da quando si è posto l'obiettivo di aumentare la produttività della Pubblica Amministrazione con una lotta senza quartiere all'assenteismo. Non penso ci voglia una grande intelligenza a capire che la presenza sul luogo di lavoro è una misura veramente scadente della produttività. Produttività è raggiungere obiettivi, in modo rapido ed efficiente. E questo si può fare solo se chi comanda è in grado di assegnare obiettivi chiari, di gestire le relazioni fra le persone che lavorano con lui e di motivare il personale. Non mi sembrano cose difficili da capire. Ma per uno definito "scemo" e "cretino" da un Ministro suo collega, si vede di sì.

PowerPoint

In Svizzera è nato il Partito Anti-PowerPoint. Si propone non tanto di abolire il celebre quanto famigerato "pacchetto" che imperversa nelle riunioni, nei convegni, negli incontri, nelle scuole, bensì di eliminare la costrizione ad usarlo. Già perché sembra che in alcune scuole, se gli studenti che non usano PowerPoint ricevono voti più bassi. In alcune aziende è di fatto obbligatorio usarlo, nei convegni è addirittura ovvio. Nessuno si pone il problema della noia mortale che colpisce gli spettatori, paragonabile alle serate nelle quali gli amici ti costringevano a vedere le diapositive scattate durante le loro vacanze. Nessuno si pone il problema dell'efficacia delle presentazioni che, pare, sia di gran lunga inferiore rispetto a quelle dove viene utilizzata la lavagna a fogli.
Qualche tempo fa Seth Godin, aveva pubblicato un manualetto dal titolo "Really Bad PowerPoint" in cui cercava di insegnare come il PowerPoint doveva essere usato per essere efficace. Una cosa, in particolare, mi è rimasta impressa: che ciò che conta non sono tanto gli strumenti, quanto la capacità del relatore di far provare al pubblico delle emozioni. E questo non può essere fatto da un software.

05/07/11

La rete l'abbiamo costruita noi


Stasera ho seguito La Notte della Rete contro il bavaglio che l'AGCOM intende attivare. La battaglia è importante perché attraverso la difesa della rete si difende anche la libertà di pensiero e la democrazia. Juan Carlos De Martin ha fatto un discorso che ho trovato splendido: lo si trova trascritto sul sito de La Stampa.

Bamboccioni

E' stato qualche anno fa che l'allora Ministro Tommaso Padoa Schioppa aveva definito i giovani che vivono in famglia come "bamboccioni." Sembrava allora che fossero moltissimi i giovani italiani che vivevano con i genitori. Da questa indagine (non sono però riuscito a capire con precisione a fosse rivolta, ma è lecito supporre che i destinatari siano stati i giovani) sembra che la situazione non sia proprio in questi termini: i giovani italiani che vivono in famiglia sono meno del 25%. Di più rispetto ai paesi del nord europa, molto meno rispetto ad altri paesi, soprattutto di altri continenti, dove la famiglia allargata sembra essere ancora molto diffusa.

04/07/11

Perché No TAV

Se i nostri politici avessero un briciolo di assennatezza e non si facessero guidare da valutazioni prese con la pancia (nella migliore delle ipotesi) oppure da valutazioni legate ai propri affari (nella peggiore delle ipotesi, ascolterebbero chi ragiona sulla base di evidenze scientifiche. Già, in questo caso sarebbe un'altra Italia, un'Italia dei cittadini e non un Italia dei politicanti, dei partiti e degli affaristi.

01/07/11

La liberazione dei dati


Un po' alla volta gli organismi internazionali e i governi nazionali cominciano a rendere pubblici i dati che raccolgono con le finalità più diverse. C'è anche qualcuno, come Hans Rosling, che con questi dati ha fatto delle cose molto molto interessanti, ideando e utilizzando modalità inconsuete di esposizione (200 countries, 200 years, 4 minutes).
 Io sono sempre stato convinto che i dati pubblici appartengono ai cittadini che, con le attuali tecnologie, li possono utilizzare per scopi di conoscenza ma soprattutto di partecipazione politica. E forse questo può non fare molto piacere ai governanti. In Italia, su questo versante siamo abbastanza indietro e non si fa molto. Per questo si è costituita un'associazione con l'obiettivo di stimolare il nostro governo a copiare quello che altri stati stanno già facendo.

Censura?!

Sito Non raggiungibile

Questo sito non ha alcuna voglia di essere cancellato!