30/07/10

1910-2010

Nonostante i tedeschi abbianno inventato la "paura del futuro" (zukunftsangst), tuttavia parecchi di essi sembrano aver avuto un'idea positiva e ottimistica di ciò che sarebbe accaduto. Nel 1910 alcuni importanti pensatori, scienziati e artisti tedeschi hanno descritto la loro visione del futuro nel libro The World in 100 Years. In esso si ritrovano non solo i telefonini, ma anche il WiFi. Interessante una notazione politico-sociale: "Tutti potranno diventare membri del parlamento, perfino gli idioti." Una vera e propria profezia!

28/07/10

27/07/10

Il comma 29

Il comma 29  della legge Bavaglio (quello secondo cui i blogger sono tenuti alla "rettifica") spiegato con utili e divertenti esempi da leonardo. C'è poco da stare allegri, però: qui a poco a poco ci stanno togliendo la libertà.

26/07/10

Dovevano dircelo prima

Qualcuno ricorderà sicuramente le leggi di Murphy e, in particolare, la Legge di Heller, che dice: "Il primo mito del management è che esiste." Una delle tecniche maggiormente utilizzate è quella del brainstorming di cui ho sempre sospettato l'inutilità perché in generale porta a risultati diversi da quelli che si vorrebbero conseguire. Adesso è arrivata una inequivocabile conferma che viene citata da Newsweek che illustra anche alcune tecniche che sembrano funzionare meglio del brainstorming. La'rticolo è mirabilmente riassunto da Il Post. La cosa curiosa è che è dal 1958 che si sa che questa tecnica non funziona e chi lo sapeva è stato bravo a prendere per i fondelli migliaia e migliaia di manager seriosi.

24/07/10

Coming out

Alle volte succede che anche i manager che hanno lavorato per l'industria farmaceutica facciano coming out. E in pochi minuti vengono fuori cose parecchio interessanti.

23/07/10

Memorie esterne

E' molto interessante vedere l'evoluzione nel tempo delle memorie esterne usate in informatica. Passi da gigante in tempi brevissimi:


Format: A Brief History of Data Storage from Alan Warburton on Vimeo.

22/07/10

Laurea ad personam

Già il fatto che il nome Berlusconi (Barbara, per fortuna!) sia associato a quello di Amartya Sen, insigne e autorevole economista, studioso delle disuguaglianze economiche, mi fa venire l'orticaria. Che poi il rettore, Don Verzè, intimo del padre, parli di istituire una facoltà di economia basata sul pensiero dell'economista indiano, mi mette un tantino a disagio. Che poi lo stesso rettore inviti la suddetta figlia di cotanto padre a diventare docente dell'istituenda facoltà, mi fa decisamente arrabbiare! Per fortuna qualche altro docente stigmatizza questo genere di atteggiamenti esponendo pubblicamente le proprie ragioni.

21/07/10

Piccoli gioielli

Fra le curiosità che riguardano Microsoft, è interessante il fatto che la musichetta che accompagna Windows è stata composta nientedimeno che da Brian Eno che ha dichiarato di aver voluto creare un piccolo gioiello.

20/07/10

Cose semplici

Sembra una cosa semplice:
  • alzare il livello di scolarizzazione
  • abbattere le barriere culturali ed economiche che precludono l'utilizzo del computer e l'accesso a Internet
  • diffondere capillarmente la banda larga
Questi tre elementi, secondo Juan Carlos De Martin, docente del Politecnco di Torino, permetterebbero all'Italia di uscire dallo stato di arretratezza in cui sempre di più sta sprofondando a causa della scarsa lungimiranza di chi ci governa.

19/07/10

Indietro tutta

E' incomprensibile che al crepuscolo della seconda repubblica, la cosiddetta opposizione non metta in campo un gruppo di persone autorevoli che raccolgano la fiducia dei cittadini, soprattutto di quel 25% di elettori che non si sentono più rappresentati da nessuno. D'altra parte la crisi dell'opposizione si vede anche dalle cose apparentemente più piccole. In una recente intervista il sen. Marino dice: "pensi che nella principale sala riunione della sede del Pd non c’è nemmeno connettersi WiFi a Internet." 

18/07/10

Grandi musicisti

In occasione del prossimo concerto che Gilberto Gil terrà a Londra, il Guardian ricorda in un articolo molto interessante quando, nel 1969, Gilberto Gil (che dal 2003 al 2008 fu nominato ministro della cultura del suo paese) e Caetano Veloso furono costretti all'esilio dalla dittatura militare brasiliana e si trasferirono a Londra. Gli anni trascorsi nella capitale del regno Unito permise ai due celebri musicisti di influenzare per sempre sia la musica brasiliana che quella britannica.

17/07/10

Cara ministra Gelmini

Partendo dalla lettera di una studentessa che, rivolgendosi direttamente alla ministra Gelmini, si lamentava di essere stata torteggiata, l'economista Alberto Bisin mette in rilievo alcune caratteritiche tipiche degli atteggiamenti e dei comportamenti degli italiani che, solo una persona che vive all'estero, riesce a vedere. Noi che viviamo in Italia non riusciamo più a meravigliarci di nulla.   

16/07/10

I manicomi

Guardare queste fotografie riprese recentemente in un "manicomio" albanese, ci fa pensare a come poteva essere la situazione in Italia prima della legge fortemente voluta dallo psichiatra Franco Basaglia che ha introdotto in Italia una vera rivoluzione. Poi si sfoglia Internet e si arriva a un articolo come questo e ci si rende conto che l'Italia è un paese davvero pieno di sorprese che, nella maggior parte dei casi, sono negative.

15/07/10

Cesare!

Sicuramente al signor BS piace moltissimo il soprannome con cui i suoi amici cialtroni si riferivano a lui: Cesare. Cesare vuol dire in sostanza Imperatore e il nome ha dato origine ai termini Kaiser, in tedesco e Czar, in russo. Ogni volta che penso a un imperatore romano, non posso fare a meno di pensare a Ettore Petrolini in un pezzo memorabile e quanto mai appropriato.

14/07/10

Campionati del Mondo di Calcio

A parte lo spettacolo sportivo, le azioni di gioco e i goal, i tre episodi più belli e commoventi dei Campionati del Mondo di Calcio del 2010 sono stati questi:





13/07/10

Calcio

Questa è per me la più bella delle splendide fotografie sui Campionati Mondiali d Calcio pubblicate dal sito del Boston Globe.

12/07/10

Leave Your Sleep

Riportare alla luce, musicandoli, vecchi testi letterari è un'operazione importante, interessante e difficile. E' un modo per far conoscere poeti e scrittori dimenticati riportandoli in vita anche se solo per brevi momenti. E' quello che ha fatto, con un'operazione ben riuscita, la cantante americana Natalie Merchant con l'ultimo suo disco dal significativo titolo "Leave Your Sleep."

11/07/10

Austerità

Federico Rampini ci spiega quali sono i settori che non vengono toccati dal piano di austerità varato dai paesi dell'Unione Europea. D'altra parte in questi giorni anche un noto politico italiano aveva sostenuto che anche l'Italia deve fare la sua parte.

10/07/10

Che cos'è l'occupazione

Molto spesso i cittadini di uno stato sono, per fortuna, più lungimiranti e saggi dei loro governanti. Che la situazione in Palestina stia diventando sempre più complicata e insostenibile non solo per i palestinesi, ma anche per gli israeliani è un dato di fatto, come è ben descritto da questo post di Manuela Dviri.

06/07/10

Ma dove giocano?

I campionati del mondo di calcio producono un senso di appartenenza che talvolta sconfina con il nazionalismo. La cosa curiosa è che una parte considerevole dei calciatori che hanno partecipato ai mondiali miliano in squadre straniere. Visivamente questa infografica è veramente interessante. Ma forse il vero senso di appartenenza è mostrato qui.

05/07/10

Biodiversità in Nord America

L'infografica è molto utile quando si vogliono mettere in evidenza fenomeni quantitativi per mostrare in modo immediato il loro impatto. Il sito The Big Wild descrive la biodiversità che caratterizza il Nord America in relazione ai tre stati che lo compongono, Canada, USA e Messico.

04/07/10

Dischi fissi

Questa fotografia del 1956 rappresenta il disco fisso di un computer IBM. La sua capacità era di ben 5 Mb. Come dire che potrebbe contenere a malapena un paio di file mp3. Sembra che da allora siano cambiate un bel po' di cose.

02/07/10

Slow Media Manifesto

1. Slow Media are a contribution to sustainability
2. Slow media promote Monotasking
3. Slow Media aim at perfection
4. Slow Media make quality palpable
5. Slow Media advance Prosumers
6. Slow Media are discursive and dialogic  
7. Slow Media are Social Media
8. Slow Media respect their users
9. Slow Media are distributed via recommendations not advertising
10. Slow Media are timeless
11. Slow Media are auratic
12. Slow Media are progressive not reactionary
13. Slow Media focus on quality
14. Slow Media ask for confidence and take their time to be credible 

Slow Media Manifesto, 2010 
       

01/07/10

In fondo al mar

Se la il disastro petrolifero che si è consumato nel Golfo del Messico ha spaventato gli abitanti delle coste degli USA, non è che noi possiamo dormire sonni tranquilli guardando la mappa proposta dal progetto "infondoalmar" che ha l'obiettivo di infovisualizzare le "navi dei veleni" mettendo assieme dati provenienti da dossier, archivi navali e ritagli di giornale. Usando mappe, cronologie e altri strumenti di visualizzazione, il sito vuole facilitare la comprensione di una vicenda estremamente complessa e contribuire alla continuazione della ricerca sul caso.