27/02/09

Il capitalismo

Il capitalismo è come una piramide che si regge sul suo vertice. Per questo è destinato a cadere. Tutti possono contribuire a far traballare un po' di più questa piramide traballante. Parola di Jason Miller.

26/02/09

Il nuovo PD

Vorrei che qualcuno mi spiegasse che cosa è cambiato.

Non ditelo al Papa

In Brasile si sta facendo una aggressiva campagna contro l'AIDS incentivando l'uso di profilattici. Quest'anno il Brasile ne ha comperati più di 1 miliardo e molti saranno distribuiti gratis. Perfino il Presidente Lula ha provveduto a fare la sua personale distribuzione durante le sfilate di Carnevale.

24/02/09

Le strategie di Big Pharma

L'Unione Europea sta aprendo alla possibilità che le aziende farmaceutiche possano pubblicizzare i farmaci da loro prodotti. Se questa situazione non viene regolamentata in modo ferreo si arriverà all'aumento indiscriminato dell'utilizzo dei farmaci più costosi, tenuto conto dell'aggressività del marketing industriale da parte delle aziende farmaceutiche.

23/02/09

PIL, FIL, HPI

E' ripresa in questi giorni la discussione sul significato del Prodotto Interno Lordo. Qualcuno già da tempo ha proposto l'adozione del FIL (Felicità Interna Lorda) nella consapevolezza che la ricchezza non è tutto. E' interessante la proposta del Happy Planet Index, un indice che tiene conto del benessere economico, ma anche del benessere psicologico nonché del costo di tale benessere misurato dall'impronta ecologica.

22/02/09

Lingue tagliate

Le lingue nel mondo sono, secondo l'UNESCO, circa 6.700: di esse, la metà sono in una situazione di pericolo di estinzione. Una splendida iniziativa per rendersi conto del livello di pericolo che corrono alcune lingue è offerta dall'atlante interattivo che l'UNESCO mette a disposizione su Internet.

19/02/09

Cittadini del mondo

Potrebbe esserci un simbolo che esprime in sintesi l'idea di una cittadinanza globale? Secondo Adbusters sì. E' per questo che ha indetto un concorso di idee per realizzare una bandiera in grado di comunicare questo ideale. Chi vuole può votare per quella preferita.

18/02/09

I postini della sanità

Ormai è cosa nota e sperimentata che coloro che utilizzano i servizi sanitari, fin dal primo contatto diventano dei postini. Devono girare da un ambulatorio a un ufficio amministrativo, da questo a una cassa per consegnare carte che nel 2009 potrebbero girare su reti telematiche. E che dire delle scritte che si trovano sulle porte degli ambulatori: "Si richiede ai pazienti di portare con sé la documentazione clinica in loro possesso". Già, perché di norma i computer che vengono utilizzati non sono in rete e perché è più comodo far muovere gli utenti. Anche perché tutti sono concordi nel dire che il movimento fa bene. Fa bene, ma probabilmente non tanto se è fatto all'interno di un ospedale o di un ambulatorio. Richard Smith, apprezzato ex direttore del British Medical Journal, dice nel suo blog che sarebbe tempo che i pazienti avessero accesso alla documentazione clinica in possesso del proprio medico di medicina generale. Questo aiuterebbe a diffondere la cultura medico-sanitaria, a migliorare la qualità delle informazioni e soprattutto a migliorare il rapporto fra medico e paziente che produrrebbe modalità di cura più efficaci. Mi chiedo, a quindici anni dalla diffusione di Internet, che cosa stiamo ancora aspettando.

17/02/09

Facebook

Alcuni amici mi sollecitano a entrare in Facebook. A dire la verità non ne ho molta voglia perché preferisco essere in contatto con gli amici attraverso altri strumenti. Adesso scopro un articolo di Time che dice non solo che "facebook è una cosa da vecchi", ma che "è figo non esserci".

16/02/09

Testamenti (non vincolanti)

Un appassionato intervento di Ignazio Marino a favore del testamento biologico e contro le assurdità di un vergognoso disegno di legge in discussione al Parlamento.

15/02/09

Largo ai giovani

Come è ben (purtroppo) noto in sanità la scarsità di risorse rispetto ai bisogni costituisce una persistente sfida etica. Un recente articolo di Persad, Wertheimer & Emanuel, pubblicato su The Lancet, analizza otto semplici principi utilizzabili per allocare le risorse e li classifica in quattro categorie: trattare in modo equo le persone, privilegiare coloro che stanno peggio, massimizzare i benefici totali, promuovere e ricompensare l'utilità sociale. Nessuno dei principi presi in considerazione soddisfa tutte queste categorie morali. Per questo gli autori propongono un sistema alternativo che fa riferimento all'intero ciclo vitale, privilegiando le persone più giovani e incorporando altri principi per modularne l'efficacia. Una lettura impegnativa, ma interessante.

14/02/09

Messaggi in codice

Ai fiori sono stati spesso assegnati significati nascosti. Qualcuno, in occasione di S.Valentino, ha voluto aggiornare questi significati.

11/02/09

Biodiversità

Il Bhutan è conosciuto come un paese dove vi è un'ampia biodiversità che si riscontra nel regno animale e nel regno vegetale. Ciò non accade con i nomi delle persone, molti dei quali possono essere attribuiti indifferentemente dal genere. Sembra che, soprattutto nei piccoli villaggi, continui la tradizione di non lasciarsi tentare dalle novità.

10/02/09

Nichilismo

Una intervista difficile ma bella di Jill Stauffer al filosofo Simon Critchley sul significato della filosofia ("La filosofia per me è un modo di resistere al nichilismo contemporaneo attraverso il fare, il creare e l'affermare"). Sulla rivista "The Believer".

09/02/09

Küng for Pope

Un grande Hans Küng, teologo non molto amato dai Papi, che sintetizza, in un'intervista, il suo pensiero a proposito di dignità del morire, omosessualità, divorzio, celibato dei preti. Esattamente il contrario delle posizioni del suo amico-nemico Ratzinger che esprime posizioni sempre più lontane dalle esigenze della società di oggi.

08/02/09

Eluana o signora Englaro?

Sarebbe ora che i nostri politici che stanno pontificando sul caso di Eluana Englaro per finalità che non hanno nulla a che fare col caso umano o con la compassione, smettessero di parlare di questa ragazza, che non hanno mai visto, né conosciuto né tantomeno amato, chiamandola "Eluana". Abbiano almeno il pudore di parlare di lei come della "signora Englaro".

07/02/09

Sforamenti

Seth Godin ragiona sulle persone che nelle conferenze o nelle interviste tendono a sforare il limite di tempo loro concesso. Suggerisce che dovrebbero pianificare meglio l'utilizzo del tempo in modo da concludere lievemente in anticipo rispetto al tempo concesso, perché "nessuno, alla fine di una conferenza se ne va dicendo speravo durasse di più".

06/02/09

Wired

Wired, la splendida rivita internettiana sbarca in Italia. Ho trovato il numero che ho acquistato nel lontano 1998 e che porta scritto in copertina "Change Is Good", parole che dieci anni dopo si sono rivelate profetiche.

05/02/09

Singolarità

La singolarità tecnologica, in futurologia, è un momento nel quale dove il progresso tecnologico accelera oltre la capacità di comprendere e prevedere degli esseri umani moderni. Da quanto affermano alcuni futurologi siamo molto vicini ad un momento di questo genere. Lo scienziato Ray Kurzweil ha scritto di recente un libro dal titolo evocativo "La singolarità è vicina". Questo movimento ha attirato l'attenzione (e i finanziamenti) nientedimeno che della NASA e di Google che hanno istituito la "Singularity University", il cui logo mi ha richamato alla mente il simbolo che portava sul petto il mitico eroe dei fumetti Nembo Kid. La Singularity University intende preparare gli scienziati che in un futuro prossimo dovranno affrontare una situazione nella quale le macchine saranno più intelligenti degli esseri umani.

Piacevoli letture

E' la prima volta che leggo un articolo di Andrea Scanzi. Questo, su Micromega, è bello e divertente e raggiunge un ottimo equilibrio fra forma e contenuto. Da leggere.

Merce rara

Una acuta osservazione piena di buonsenso. Ma si sa il buonsenso è merce rara.

04/02/09

Giornali elettronici

La carta che serve a stampare il New York Times costa, in un anno, il doppio che spedire a casa di ciascun abbonato un Kindle gratuito.

03/02/09

La scuola

Secondo Seth Godin, guru della comunicazione e del marketing, questi sono alcuni degli obiettivi che la scuola dovrebbe perseguire. Avverte che alcuni sono non condividibili o contradditori, possono però costituire una base di discussione fra studenti, genitori e personale scolastico.
  1. Diventare un cittadino informato
  2. Imparare il piacere di leggere
  3. Apprendere le abilità di base per il lavoro
  4. Ottenere buoni risultati nei test standardizzati
  5. Rendere la società un pochino più omogenea
  6. Neutralizzare idee pericolose
  7. Far fare qualcosa ai bambini mentre i loro genitori lavorano
  8. Insegnare ai futuri cittadini a rispettare le norme sociali
  9. Insegnare ai nuovi consumatori come desiderare
  10. Costruire il tessuto sociale
  11. Creare dei leader in grado di aiutarci a competere in un mondo globalizzato
  12. Creare futuri scienziati in grado di far avanzare la medicina e la tecnologia
  13. Imparare per il gusto di imparare
  14. Aiutare le persone a diventare interessanti e produttive
  15. Disarmare il proletariato
  16. Stabilire un livello al di sotto del quel una persona abbia poche probabilità di cadere
  17. Individuare e celebrare i bambini prodigio, i geni e i ragazzi dotati
  18. Fare in modo che i ragazzi imparino a svolgere attività fisica, a mangiare in modo corretto e a evitare i più comuni problemi di salute
  19. Insegnare ai futuri cittadini a ubbidire all'autorità
  20. Insegnare ai futuri lavoratori a fare lo stesso nei confronti dei datori di lavoro
  21. Aumentare l'apprezzamento per l'arte e la cultura
  22. Insegnare la creatività e il "problem solving"
  23. Minimizzare gli errori verbali
  24. Aumentare l'intelligenza emotiva
  25. Diminuire la criminalità insegnando l'eduione civica e l'etica
  26. Aumentare la comprensione di una vita degna di essere vissuta
  27. garantire alle squadre sportive un numero sufficiente di giocatori

La scienza sciocca

Una volta l'Economist aveva definito gli economisti "coloro che hanno creato il caos da cui Dio ha creato il mondo". Non è tanto tenero con gli economisti, che nei giorni scorsi erano presenti a Davos, nemmeno Giulietto Chiesa che ha chiamato l'economia non la "scienza triste" come è di solito definita, ma la "scienza sciocca". Si potrebbe fare un sondaggio per vedere qual'è la definizione più calzante.

02/02/09

La trave e la pagliuzza

Feltri suggerisce a Berlusconi di guardare la pagliuzza nell'occhio del suo Ministro...

Il mondo è anche questo

Entosopia è il nome curioso di un villaggio di 4.000 abitanti nel Kenya. Non è raggiunto dall'elettricità. Non ha sportelli bancari, uffici postali. Vi sono poche automobili. I giornali arrivano ogni tre quattro settimane. Di notte, la maggior parte delle persone nelle case accende lampade a kerosene o candele e, in ogni caso, va a letto presto. Sembrerebbe l'ultimo posto sulla terra nel quale ci si potrebbe aspettare di trovare Internet. Ma non è così. Dallo scorso novembre, tre giovani ingegneri dell'Università del Michigan, con un finanziamento di Google, hanno installato una piccola antenna satellitare alimentata da un pannello solare che consente a questo piccolo posto sperduto di essere in collegamento con il resto del mondo.

Copyright

Il copyright ha i giorni contati. Sarà vero?

TG1

Non si dovrebbe generalizzare, ma qui la generalizzazione è d'obbligo. E' cosa ormai assodata che la Rete 1 della RAI sia un'accozzaglia di programmi per persone deficienti. Che il TG1 sia un'accozzaglia di banalità pure. Al punto che si possono facilmente prevedere le notizie che saranno date.